Dalla veglia di preghiera contro LGBTfobia del gruppo Ictus di Siviglia

.

Fantastica la veglia di preghiera di ieri (20 maggio 2016) contro la LGBTfobia organizzata dal gruppo di cristiani LGBT Ichthys a Siviglia (Spagna).
Circa 90/100 persone di tutte le età, con identità e sensibilità (lesbiche, gay, transessuali, bisessuali, eterosessuali…) diverse, con diversi gruppi cattolici, abbiamo avuto la possibilità di condividere una vera esperienza di preghiera, dove ogni persona poteva condividere quello che seniva e ha potuto porre dinanzi al mondo la sua fede nel messaggio di Gesù Cristo nella sua realtà.
Ho avuto modo ascoltare e condividere testimonianze da parte di persone diverse.  Alcune veramente sconvolgenti e a volte incoraggianti con un gruppo di Cristiano Lgbt. Condividere queste esperienze personali ci aiuta a prendere coscienza delle situazioni di dolore e di isolamento che molte persone vivono, a guarire le ferite e a crescere spiritualmente nella fede nel nostro padre, che ci è madre, che ci ama come ci ha creato.
Il clima e l’ambientazione , accolti da i nostri fratelli del centro Arrupe di Siviglia, ha aiutato molto ad entrare in preghiera e a stare col Signore.
Per tutto ciò, vogliamo ringraziare enormemente Ichthys e il suo invito che ha reso possibile questa meravigliosa esperienza orante, altamente positiva e incoraggiante. Siamo convinti che dobbiamo unirci attorno allo spirito ed essere visibili all’interno della nostra Chiesa. E ‘ il Signore che ci chiama e ci vuole al suo fianco.

Ringraziamo il Signore per il cammino de la CVX e il gruppo Ichthys a Siviglia .
Grazie per le testimonianze e il confronto perché non sono passati nemmeno due anni che abbiamo cominciato a camminare insieme e sembra che sia passato molto più tempo.
Grazie per la storia condivisa, per quelli con cui siamo stati insieme, per il  popolo di Dio che ci ha donato la preghiera e il canto, per l’incontro e il mutuo riconoscimento, per il perdono e la gratitudine, per averci fatto “sdrammatizzare” e per aver festeggiato con gioia.
Grazie al Dio della sorpresa che non ci lascia indifferenti e ci viene incontro.