Perchè siamo in Veglia? Per confessare il peccato dell’omotransfobia e chiedere perdono

Estratto dalla liturgia della Veglia per il superamento dell’omotransfobia di Milano del 31 maggio 2019

Perchè siamo in Veglia?  “Perché Gesù è sempre stato dalla parte degli ultimi, degli oppressi. É la pietra di scarto con la quale Dio ha costruito la nuova religione, il nuovo rapporto con Lui, non più basato sull’obbedienza di precetti, ma sull’amore che si dona gratuitamente.

E allora, non fa distinzione, non discrimina, ma accoglie e abbraccia tutti. É perché ci sentiamo avvolti da questo amore che non ve la fac- ciamo a tacere e a rimanere inerti quando vediamo un nostro fratello, una nostra sorella discriminati per motivi sessuali, culturali o altro.

Vegliamo e preghiamo perché sappiamo che il Signore ascolta il grido dei poveri e non abbandona nella disperazione coloro che in un qualche modo si sentono afflitti. Vegliamo per le vittime dell’omofobia, della transfobia e di ogni forma di discriminazione perché desideriamo che la vita in Dio, manifestatasi nel Risorto, possa entrare in noi e ricreare dal di dentro quell’umanità nuova visibile nel Signore Gesù.

Un’ umanità nuova, fatta di fratelli e sorelle che vivono in comunione, e che si sforzano di riprodurre nella vita quotidiana lo stile di vita di Gesù, che andava verso tutti, che abbracciava e accoglieva tutti; che costruiva la pace seminando amore, costruendo ponti di giustizia, abbattendo i muri dell’odio e dell’indifferenza.

Vegliamo insieme perché crediamo nella forza straordinaria della preghiera, soprattutto quando è fatta in comunità, quando è coinvolgente. (riflessioni di Don Paolo Cugini ai partecipanti alla veglia che si era svolta nella chiesa di Santa Maria degli Angeli a Reggio Emilia il 19 aprile 2018)

CONFESSIONE DEL PECCATO DI OMOTRANSFOBIA E PERDONO

Tutti: «Non siete voi che avete scelto me, ma io ho scelto voi, e vi ho destinati a portare molto frutto, un frutto duraturo. Allora il Padre vi darà tutto quel che chiederete nel nome mio Questo io vi comando: amatevi gli uni gli altri». (Gv 15,16-17)

Nostro Dio, sappiamo che tu hai scelto ciascuna/o di noi e sappiamo anche che noi abbiamo accolto la vocazione a vivere l’evangelo tutti i giorni della nostra vita. Questa consapevolezza spesso non da’ grandi frutti. A volte siamo stanchi, altre volte scoraggiate, altre volte ancora ci sentiamo incapaci di affrontare gran- di cambiamenti. Preferiamo la sicurezza di nasconderci, il ripetersi dei nostri gesti, il consolidamento della mentalità di divisione e di odio nei confronti delle persone omosessuali e transessuali.

Amiamo di nascosto e facciamo finta di non vedere ciò che ci fa stare a disagio. Perdonaci perché in questo modo rendiamo vano il fatto che tu ci abbia scelto, uno per uno. Ci hai chiamato per nome e ci hai amato chiedendoci di amarci gli uni gli altri. Infondici questa virtu’ e perdona i nostri fallimenti.

Dacci dei segni che ci aiutino a diventare tue discepole e tuoi di- scepoli e non farci desiderare di sottostare alla banalità del male. Dacci delle parole e dei gesti per poter resistere al desiderio di compiacere il senso comune, tutto umano, e senza te, che domina il mondo; dacci quell’intelligenza capace di vedere i nostri limiti ma anche quella speranza necessaria a credere nelle trasfor- mazioni. Nella tua grazia, perdonaci. Amen.

Tutti:  “Non siete voi che avete scelto me, ma io ho scelto voi, e vi ho destinati a portare molto frutto, un frutto duraturo. Allora il Padre vi darà tutto quel che chiederete nel nome mio. Questo io vi comando: amatevi gli uni gli altri”. Sorelle e fratelli, Siamo perdonati! In Dio, abbiamo una nuova vita! Il passato è alle nostre spalle e ora abbiamo nuove possibilità! Possiamo vivere con coraggio sapendo di essere figlie e figli di Dio che è per noi madre e padre! Che lo Spirito Santo ci faccia risplendere della luce della Parola. Amen

 

> Perchè siamo in veglia? Liturgia della veglia ecumenica di preghiera per il superamento dell’omotransfobia “TU SEI PREZIOSO AI MIEI OCCHI” (Is 43,4) tenuta a Milano Venerdì 31 Maggio 2019 (File PDF)

Annunci